Crea sito

Benvenuto nel sito ufficiale dell'associazione sportiva

Ultime Notizie


Villirillo argento e Scarfone quinto con una scarpa

Luci e ombre per i catanzaresi ai campionati italiani Master di atletica leggera che si sono disputati ad Arezzo lo scorso fine settimana. Una medaglia e piazzamenti comunque dignitosi per la mini spedizione della Fiamma in Toscana: tre atleti ai nastri di partenza in quattro competizioni. La gran parte dell’attenzione era incentrata su Andrea Villirillo già tre volte campione italiano over 60 dei 100 metri piani. La concorrenza agguerrita uno stato di forma forse non all’altezza non gli hanno però consentito a fare poker. Nella prima serie, la più veloce, lo sprinter King di Borgia è stato preceduto da Facchini della Amatori Rimini. Dodici secondi e 75 centesimi il tempo del vincitore, di un centesimo superiore al muro dei 13 netti quello di Villirillo, il tutto con con un metro di vento contrario. Bene ma non benissimo insomma anche se la medaglia d’argento è un risultato più che soddisfacente e anche in ambiente Fiamma a prevalere è la soddisfazione. Meno sorrisi dalle altre corse. Detto dell’undicesimo posto di Gianfranco Arturi nella marcia 5 chilometri (32 minuti e 31 secondi il tempo) Sm 60, pieni di rimpianti soprattutto i 1500 e i 3000 siepi di Alfonso Scarfone. Soprattutto nella specialità piana l’over 45 catanzarese- ottavo nella serie a inviti 40-55 anni del recente Golden Gala di Roma- non nascondeva importanti ambizioni di medaglia. La gara, finale unica, però si messa male già nel primo giro. Dopo uno doppio contatto, fortuito, con un avversario è costretto ad abbandonare una scarpa sull’anello della pista aretina. Parzialmente scalzo per questo incidente Scarfone è riuscito poi a recuperare dal fondo del gruppo giungendo quinto. Per lui un crono di 4’39 (all’Olimpico aveva corso poco sopra i 4’30”) neanche malaccio tenendo conto delle difficoltà e degli inconvenienti ma non sufficiente per avvicinarsi al podio lontano una decina di secondi. “Forse avrei dovuto ritirarmi visto che avevo ancora la gara delle Siepi – ha detto poi a mente fredda il mezzofondista della Fiamma – ma l’adrenalina della gara mi ha spinto ad andare avanti, ed è finita così”. I problemi dei 1500, infatti, hanno poi influito sull’andamento dei 3000 siepi corsi con un piede medicato nel post gara per i micro tagli causati dalle sollecitazioni della pista di Arezzo. Alla fine dalla competizione ad ostacoli, in cui peraltro Scarfone vanta anche risultati di prestigio a livello internazionale in un passato nemmeno troppo lontano, è arrivato un altro quinto posto. L’amarezza è stata un po’ lenita comunque dall’aver battuto un record regionale storico. Sui 3000 siepi infatti il titolare del primato calabrese m45 era ancora un personaggio storico dell’atletica catanzarese e regionale, quel Salvo Criscuolo da anni patron dell’Asd Crisal di Soverato. ll 29 settembre 1991, una vita fa, aveva fatto fermare i cronometri sui 12 minuti e due secondi. Scarfone ad Arezzo è andato di 4 secondi più veloce (11’57”). Una consolazione al termine di una competizione tricolore, come si è detto, in chiaroscuro. Chiusa la parentesi italiana master si torna al calendario regionale. Imminenti gli assoluti di Siderno a cui probabilmente Scarfone, a causa dei postumi di quella gara, con una scarpa sola non sarà ai nastri di partenza.

03/07/2018                                                     Roberto Tolomeo di Catanzaro Informa

_______________________________________________

La categoria ragazzi trionfa a Cosenza

Ai vertici regionali. I ragazzi e ragazze della Fiamma Atletica Catanzaro aggiudicano il titolo di società assegnato nei giorni scorsi a Cosenza dando una nuova conferma della loro costante crescita. Merito di un gruppo che entusiasta e appassionato e di un tecnico, Marcello Mondilla che, a margine degli ultimi successi il presidente Piero Mirabelli il vicepresidente Nicola Mondilla e il dirigente Alfonso Scarfone hanno voluto ringraziare “per l'abnegazione con la quale cura il settore giovanile della Fiamma interpretando al meglio i valori dello sport e aggregazione”. Ecco i risultati atleta per atleta. Campioni Regionali Cds Maschili Ragazzi 60m Martino Bruno 3° in 6.95 1000m Mattia Saccà 2° in 3:29.90 60hs Niccolò Fabiano 1° in 13.23 Alto Davide Bruno 3° in 1.20 Lungo Mattia Saccà 2° in 3.64 Marcia 2km Domenico Carè 1° in 14:36.12 Campioni Regionali Cds Femminili Ragazze 60m Miriam Scinardo 2° in 9.15 -1000m Rossella Mondilla 2° in 3:46.38  - 60hs Chiara Gladych 1° in 11.70 - Alto Rossella Mondilla 1° in 1.28 - Lungo Chiara Gadych 1° in 3.95 - Peso Miriam Scinardo 1° in 6.62  -Peso Anna Caroleo 2° in 6.37 - Giavellotto Francsca Paone 1° in 11.24 - Marcia 2km Francesca Paone 1° in 14:36.16. Nel Cds assoluto sempre nella stessa riunione: 100m Tommaso Trapasso 1° in 11.54 - 200m Tommaso Trapasso 3° in 23.67 - 200m Valentina Quattrone 2° in 29.21 Ma l’appuntamento del San Vito di Cosenza era solo uno degli eventi che vedevano la Fiamma ai nastri di partenza. Tutto sommato discreta la prestazione di Alfonso Scarfone nel meeting Golden Gala dello stadio Olimpico di Roma. Tra le gare di contorno della tappa della Diamond League anche quest’anno alcuni eventi riservati ai master. Nella competizione sui 1500 riservata ai mezzofondisti tra i 40 e i 55 anni ottavo posto per l’atleta-dirigente della Fiamma con un tempo di 4’31”. “Abbattere il muro dei 4.25 – dichiara- era possibile se avessi prodotto un buon cambio nei 600 finali, però le gambe non hanno risposto per come desideravo, lasciando sul tartan quei 3/4 secondi che non mi hanno consentito di raggiungere l'obbiettivo. Comunque – conclude Scarfone - una emozione correre in quel contesto con i più forti mezzofondisti master italiani, un ulteriore passaggio di crescita personale nell'ottica di un percorso di apprendimento che non riterrò mai concluso”. Dulcis in fundo, domenica scorsa è arrivata l’ottima performance di Ulderico Muzzi che ha primeggiato tra gli over 70 a Botricello mettendo in fila tutti gli avversari incluso un fastidioso infortunio i cui postumi continuano a limitarlo.

05/06/2018                                                 Roberto Tolomeo di Catanzaro Informa

____________________________________________

Scarfone torna all'Olimpico al Golden Gala

L’appuntamento è fissato per il pomeriggio del 31 maggio: giorno di Golden Gala all’Olimpico di Roma, meeting italiano del circuito della Diamond League di atletica leggera. Come da alcuni anni a inizio programma, qualche ora prima e sulla stessa pista dei big, si confronteranno i migliori master d’Italia in una gara sui 1500 metri ad alto contenuto agonistico. Ai nastri di partenza anche quest’anno Alfonso Scarfone MM 45 della Fiamma Atletica Catanzaro più volte medagliato a livello nazionale e internazionale. La sua marcia di avvicinamento al prestigioso appuntamento capitolino è stata caratterizzata da alcuni risultati cronometrici incoraggianti. Tra i meeting di Salerno e i societari di Cosenza sono arrivate due interessanti performance sui 400 (prima 56.48 e poi 56.24) ma soprattutto sugli 800. Sul doppio giro di pista ha fatto registrare un 2’ 06” 74 che è il secondo tempo italiano dell’anno per questa fascia d’età. E un'altra piazza d’onore di categoria è arrivata per lui a Taverna alla Corrisila, gara su strada sul 5 chilometri e spiccioli, che Scarfone ha corso sempre in prospettiva del Golden Gala (nella stessa competizione l’altro Fiamma Ulderico Muzzi ha vinto tra gli over 70). Basterà questo scorcio di preparazione dedicata alla stagione per fare bella figura sull’anello dell’Olimpico su una distanza non consona per il master catanzarese? Dipenderà ovviamente dal ritmo che verrà imposto alla gara a cui saranno impegnati, in una unica serie, atleti da 40 ai 55 anni. Ma, Golden Gala a parte, è un periodo particolarmente intenso per la Fiamma e per l’atletica su pista catanzarese. Come già riferito nei giorni scorsi è arrivata una marea di titoli regionali ma anche prestazione master di assoluto valore come quello di Gianfranco Arturi che ha ottenuto con 1 ora e 14 minuti il record regionale sui 10 chilometri di marcia nella categoria 60 anni.

29/05/2018                                                 Roberto Tolomeo di Catanzaro Informa                      

I prodotti del vivavio Fiamma danno soddisfazioni

Miglioramenti cronometrici rilevanti e diverse qualificazioni alle finali individuali del trofeo nazionale Coni riservata ai ragazzi: i prodotti più giovani del vivaio della Fiamma Atletica Catanzaro danno e si prendono soddisfazione. Le gare che si sono svolte a Cosenza nei giorni scorsi sono state impreziosite da diverse performance di primo livello. Partiamo da Valentina Quattrone che nei m. 400 ha portato il suo personale da 1’08”59 a 1’05”69 e nei m. 200 da 30”09 a 28”98 e Giovanni Renda (foto) che ha abbattuto dei 54 muro dei 400 piani portandosi da 54”45 a 53”06. Lo stesso Renda aveva già abbattuto, a Siderno, il muro dei 24” nei m. 200 portandosi da 24”20 a 23”97.  Si affaccia sotto il muro dei 24” nei m.200 anche Tommaso Trapasso che con 23”98 migliora il suo precedente 24”19. Soddisfazione doppia per Tommaso che si è migliorato anche nei m. 100 con 11”76 contro il suo precedente 11”79. Anche l’Allievo Daniel Pugliese si migliora con 58”09 nei m. 400 e 26”22 nei m.200. Dal “figlio d’arte – la mamma Beatrice Politi è stata grandissima atleta della Fiamma CZ – ci attendiamo, comunque, molto di più. Michael De Gregorio, nuovo tesserato, ha fatto il suo debutto con 12”60 e 26”29 rispettivamente nei m. 100 e 200. Prima gara della sua carriera anche per il “Cadetto” Giovanni Mazzuca: 9”97 nei m. 80. Da registrare il nuovo record regionale nei 400m Master 50 stabilito da Marcello Mondilla con il tempo di 1.00.16 ritoccando il suo precedente primato di mezzo secondo, a riprova del completo recupero dal gravissimo infortunio al tendine di achille due anni or sono. Grandi prestazioni anche nella categoria ragazzi e ragazze che come detto si sono qualificati per le finali individuali del trofeo nazionale Coni che si svolgerà a Rimini dal 20 al 23 settembre, gli atleti Rossella Mondilla, Chiara Gladich, Miriam Scinardo e Nicolo Fabiano, i quali hanno contribuito insieme a Francesca Paone Davide Bruno, Mattia Saccà, Domenico Care e Lorenzo Castaldo alla vittoria del trofeo regionale Coni a squadre.

24/05/2018                                               Roberto Tolomeo di Catanzaro Informa

_____________________________________________

Continua la crescita dei velocisti Trapasso e Renda

Ottimi risultati su pista conseguiti dagli atleti della nostra società. A Siderno si confermano su ottimi livelli i velocisti Tommaso Trapasso  11”79 nei m. 100 e Giovanni Renda 23”98 nei m. 200 e 54”04 nei m. 400. Fra i giovani Giovanni Mazzuca – Cadetto - realizza 10”09 nei m. 80 e l’Allievo Daniel Pugliese 59”08 nei mt. 400. In campo femminile Valentina Quattrone si conferma sul suo pernonale ei mt 400 col tempo di 1’05”85 nonostante il disturbo del vento. Record personale, invece, per Chiara Caliò che si porta a mt 4,75 nel salto in lungo e debbutta brillantemente nel salto triplo con mt 9,86 lasciando 20 cm allo stacco. Promettente l’esordio dell’allieva  Alessia Puntoriero nei mt 800 con 3’19”. I giovanissimi, seguiti dal Prof. Marcello Mondilla, si sono resi protagonisti di belle prestazioni. Nei m. 600 della stessa categoria Rossella Mondilla,  Mattia Saccà e Francesca Paone realizzano rispettivamete 1’54”92 – 1’58”10 e 2’14”02.

08/05/2018                                                                          Piero Mirabelli

_______________________________________________

Prove multiple-staffette pokerissimo regionale della Fiamma

Prime gare su pista outdoor e prime soddisfazioni stagionali per gli atleti della Fiamma Catanzaro. Cosenza nei giorni scorsi ha ospitato i campionati regionali di staffette e prove multiple e numerose gare di contorno. Il sodalizio catanzarese è tornato nel capoluogo con cinque titoli e rinnovata fiducia nel futuro. Nella categoria ragazzi successo per la 4x100 maschile Bruno-Fabiano-Carè-Saccà  in 1.05.74. Titoli anche per la 3x800 maschile Bruno-Carè-Saccà  in 9.29.56 per la  3x800 femminile Caroleo-Gladych-Mondilla in 9.38.75. Piazza d’onore per la 4x100 femminile di Paone-Gladych- Caroleo - Mondilla in 1.01.72. Nel decathlon categoria promesse titolo per Tommaso Trapasso che sfiora i 3000 punti. Tra i gli over 50 campione regionale è Marcello Mondilla (foto) che di punti ne ha totalizzati 3859. Per Mondilla, che oltre ad essere atleta allena i ragazzi che hanno trionfato nelle staffette, soddisfazione quindi doppia. Lusinghieri risultati anche per dalle gare di contorno. Nella categoria cadetti, Francesco Cotroneo si classifica 14° negli 80m in 11.77 e nel salto in lungo è invece 5° con la misura di 4.09. Le gare di Cosenza seguono di pochi giorni la prima prova del campionato di società di corsa su strada che si è tenuto tra Scilla e Bagnara. Su quel prestigioso percorso piazza d’onore per Ulderico Muzzì con 54’ 01”.

18/04/2018                                                        Roberto Tolomeo di Catanzaro Informa

Articolo: Catanzaroinforma

_____________________________________________

 

Europei in chiaroscuro per i master della Fiamma 

Senza acuti ma tutto sommato discreti i risultati  degli atleti della Fiamma Catanzaro ai campionati europei indoor master su pista di atletica leggera che si sono svolti nei giorni scorsi a Madrid. Il rammarico maggiore è stato di Luca Chiodo che non riesce a concludere la sua serie del 1500 nella categoria Sm 45 in cui poteva puntare a un piazzamento di prestigio. Un problema fisico ferma dopo meno di mille metri: peccato. Missione compiuta invece e finale raggiunta per Andrea Villirillo fresco campione italiano dei 60 metri over 60. Per il 64enne sprinter di Borgia c’è  forse un pizzico di rammarico per non essere riuscito a gestire al meglio i tre turni ravvicinati e di aver speso un po’ troppo nelle batterie iniziali (secondo tempo assoluto) ma in una distanza così breve fare calcoli non è proprio facilissimo. I rimpianti comunque tempo alla mano non possono essere troppi. Il tempo ottenuto da Villirillo al primo turno e in finale (8’09) da una parte segna un netto miglioramento rispetto al tempo dei Tricolori di Ancona 8.14” dall’altra è piuttosto lontano dall’8’02 servito al tedesco Koenig per raggiungere la medaglia di bronzo dietro il connazionale Michelchen (7.90) e il britannico Borges (7.96). Insomma la medaglia non era raggiungibile. Nei 200 Villirillo manca la finale nelle selettive semifinali (quattro e solo un posto per la finale più due ripescaggi) dopo aver superato il primo turno con tempo (28 netti) non esaltante. Riesce a superare il primo turno degli 800, infine, Alfonso Scarfone (Sm 45). Già Il suo quarto posto in batteria, di poco inferiore al 2’.10”, quindi non all’altezza di crono precedenti dello stesso mezzofondista più volte medagliato internazionale negli anni scorsi in 400 e 800, non lascia presagire niente di incoraggiante. Infatti in semifinale non riesce a cambiare ritmo quanto necessario e conclude con un sedicesimo tempo complessivo lontano 5 secondi dal crono necessario per approdare in finale. Lo stop nella preparazione invernale a causa di problemi fisici gli ha impedito di essere al top e in un panorama internazionale di altissimo livello fare di più in queste condizioni era onestamente difficile.

27/03/2018                                                Roberto Tolomeo di Catanzaro Informa

Articoli: Catanzaroinforma     Gazzetta del Sud

_____________________________________________

Agli Italiani Indoor trionfo di Villirillo e argento per Scarfone 

Un titolo ottenuto all’ultimo respiro al termine di una serie di batterie in cui ha dominato l’incertezza: in quattro atleti al traguardo in soli due centesimi. Alla fine a consegnare ad Andrea “Sprinter King” Villirillo il titolo di campione italiano di atletica indoor master M60 sui 60 metri piani c’è voluto il fotofinish. Per il velocista tesserato con la Fiamma Atletica Catanzaro l’ennesimo alloro tricolore: forse tra i più sofferti. Sulla pista di Ancona lo sprinter di Borgia ha fatto segnare 8”14 dietro di lui in classifica tre atleti a 8”16. Se questo non è equilibrio… Una vittoria che rappresenta un presitgioso traguardo raggiunto ma anche un nuovo punto di partenza verso altre ambizioni stavolta internazionali. Dal 18 al 24 marzo Villirillo prenderà infatti parte ai campionati europei indoor di Madrid e non certo per fare la comparsa. Raggiungere la finale a otto non sarà facile ma si va in Spagna con la convinzione di avere delle carte importanti da giocare. E agli euroindoor andrà anche Alfonso Scarfone tecnico di Villirillo ma soprattutto mezzofondista master di ottimo livello. E anche ai Nazionali di Ancona per lui le soddisfazioni non sono mancate. Reduce da mesi di preparazione a intermittenza tra virus e infortuni vari Scarfone è tornato dalle Marche con una medaglia d’argento con 2’ 08” negli 800 m45 che sarà anche l’unica gara su cui si concentrerà alla rassegna continentale. E nella penisola iberica, anche se a Barcellona, risiede in pianta stabile un altro master Fiamma Catanzaro che sarà ai nastri di partenza a Madrid. Si tratta dell’ M45, Luca Chiodo che ad Ancona, sui suoi 3000 metri, è rimasto ai piedi del podio (quarto posto). Un risultato comunque positivo visto che i carichi di lavoro che aveva svolto nelle settimane precedenti alle competizioni non erano stati smaltiti del tutto: difficile insomma fare meglio in quelle condizioni. Ad Ancona infine altri due buoni piazzamenti targati Fiamma per Gianfranco Arturi sesto nella marcia tre chilometri SM 60 e ancora una volta Villirillo sesto sui 200 metri (27”66) nella specialità che preferisce di meno rispetto a quella più breve ma a cui è iscritto comunque agli Europei.

28/02/2018                                          Roberto Tolomeo di Catanzaro Informa

Articolo: Catanzaroinforma

______________________________________________